Resta in contatto

News

Festa: “Barella, ascoltami: a Cagliari fino a fine stagione, poi la Premier”

Le parole di Gianluca Festa sulla trattativa per Barella “L’ho fatto esordire. Ha personalità e un pizzico di arroganza. Ecco cosa gli consiglio. E su Birsa, Pavoletti e il Cagliari…”.

PARLA FESTA. Ex giocatore del Cagliari e beniamino rossoblù. Gianluca Festa conosce bene Nicolò Barella, lo ha fatto esordire in Serie A e in Serie B. E conosce la realtà della Premier League. Ecco cosa consiglia al talento cagliaritano ai microfoni di RMC Sport. E poi il punto sul momento della squadra, su Birsa e sulla sua avventura in Grecia.

BARELLA.L’ho fatto esordire io sia in Serie B al Como sia in Serie A a Cagliari. E’ un predestinato perché già nel settore giovanile spiccava rispetto agli altri soprattutto come personalità. E’ cresciuto tanto di anno in anno. Ha grande, quella ha fatto la differenza. Quasi un pizzico di arroganza, ma quella giusta che ti fa affrontare gli avversari nella maniera giusta. Anche in Nazionale ha dimostrato il suo valore. Ha qualità tecniche ma anche fisiche molto importanti. Ha una capacità aerobica straordinaria“.

FUTURO.Io fossi in lui resterei a Cagliari fino a fine stagione. Poi magari si può cercare una soluzione migliore ma sarebbe giusto che finisse la stagione in Sardegna perché il Cagliari ha bisogno di lui. In questi casi però non dipende solo da Barella perché di fronte a tanti soldi anche la società dovrà pensarci bene. In futuro senza dubbio io andrei in Premier League perché è il campionato migliore al mondo. Io ho avuto la fortuna di giocare in Premier ed è un campionato completamente diverso dal nostro. Per me per Barella la soluzione migliore sarebbe andare all’estero“.

CAGLIARI. Birsa è un giocatore di esperienza che può dare tanto al Cagliari e alza il tasso tecnico della squadra. Maran è abituato a gestire giocatori maturi e il Cagliari ha tanti giocatori di esperienza. Credo che il Cagliari stia facendo bene, può contare su un ottimo allenatore e i tifosi sono sempre vicini alla squadra. Spero che il Cagliari si possa salvare quanto prima per poi magari togliersi qualche soddisfazione. Bisognerebbe lavorare un po’ in avanti perché il Cagliari è troppo dipendente da Pavoletti. Quando non gioca lui si sente la mancanza“.

L’AVVENTURA AL LARISSA. “Il Larissa è una piazza con una storia prestigiosa, qui si sono vinti anche dei titoli. E’ una realtà interessante. I tifosi non sono tanto presenti perché c’è un po’ di contestazione nei confronti del presidente. Mi auguro che possano tornare a sostenerci grazie alle nostre vittorie“.

IN GRECIA. Il campionato greco è diviso in due tronconi ci sono le big, e poi ci siamo con tante altre squadre. La crisi economica ha colpito in maniera molto forte il calcio e il divario tra le prime e altre è davvero enorme. Ci sono comunque giocatori molto interessanti anche se devono migliorare molto dal punto di vista tattico. Io ho dovuto fare un lavoro importante per conoscere la mia realtà e stiamo migliorando molto.

14 Commenti

14
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Avete rotto sono i nostri giocatori voi avete soldi

Commento da Facebook

Ottimo consiglio, bravo Festa

Commento da Facebook

Barella è il valore aggiunto del Cagliari guai andare via si trova benissimo a Cagliari gioca in nazionale. Cosa chiedere di più , i veri campioni sono umili modesti ma grandi di cuore ne posso citare tanti giocatori, uno tra i tanti gigi riva Che è rimasto a Cagliari tutta la vita anche se le grandi società l avrebbero ricoperto d’oro.

Commento da Facebook

Vaiiiii Nicolò vaiii ora#

Commento da Facebook

Adesso… Occhio che non siamo ancora salvi!

Commento da Facebook

Per me Barella è gia’ stato venduto all’Inter ad una cifra tot. fissata adesso,lo terremo fino a fine campionato, e questo torna bene anche al giocatore per l’arrivo della bimba, mi sembra strano che in queste settimane il Cagliari abbia avuto contatti con vari club tranne che con l’Inter…..pero’ ad inizio mercato era a Milano ed in Hotel ha incontrato e parlato con Spalletti ( servizio di Sky…)

Commento da Facebook

È giusto che vada ora, farà benissimo al Chelsea, certo dispiace privarci di lui per tutto ciò che ha fatto e ciò che è come uomo, ma ricordate che il Chelsea in estate non può acquistare nessuno, e c’è il rischio che d’estate sia svalutato per tanti motivi, purtroppo pure un semplice infortunio potrebbe penalizzarlo

Commento da Facebook

Se c’è un buona offerta è meglio coglierla subito.. Il Cagliari si salverà comunque..e soprattutto non si incorre nella possibilità di vederlo sottovalutato a fine stagione.. Belotti e Milinkovic Savic insegnano…

Commento da Facebook

Se non lo vende ora…a giugno non sarà assolutamente valutato 50 milioni…..al massimo andrà all Inter per 30 milioni…..❤️💙

Commento da Facebook

X 50 milioni lo venderei subito. Sono buone tutte le proposte. Mi piace molto quella Del Napoli. 40 milioni più Rog e Osuna. Si potrebbe vendere Farias e comprare Nandez e il centrale del Pescara. Con l’arrivo di Peluso per quest’anno la squadra é messa più che bene e per l’anno prossimo solo ringiovanire con due laterali difensivi. Io se dovessero andare in porto queste trattative darei anche Cigarini.

Commento da Facebook

Io sono del parere che questi tentennamenti non sono dovuti da Barella ma bensì da Giulini che stá aspettando una buona proposta dalla squadra di cui lui e tifoso cioé L’Inter

Commento da Facebook

Barella deve stare a Cagliari infondo vuole rimanere con noi ❤💙 barella sempre rosso blu

Commento da Facebook

Si è il Cagliari in serie B perché non può acquistare giocatori importanti…

Commento da Facebook

Rimani con noi❤💙

Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a CAGLIARI su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News