Resta in contatto

News

Iezzo: “Cagliari, l’ambiente trascina la squadra: è lo spirito d’appartenenza”

Il doppio ex della gara di domenica, Gennaro Iezzo, ha parlato della sua Cagliari-Napoli.

DOPPIO EX. Cagliari-Napoli è la sfida di Gennaro Iezzo. In Sardegna dal 2003 al 2005 prima di tornare a casa, all’ombra del Vesuvio, dal 2005 al 2011. Il portiere partenopeo ha parlato a Ilnapolionline.com della sfida che lo vede doppio ex.

FATTORE CASA. “Penso che sia per il Cagliari sia l’ambiente a trascinare la squadra ad ottenere buoni risultati. Lo si è visto anche nella sfida contro la Roma, una partita quasi compromessa, ma il pubblico li ha trascinati ad un pari che ad un certo punto era insperato. Credo che ci sia anche lo spirito di appartenenza, la voglia di non mollare mai. Senza dimenticare che hanno in rosa calciatori rapidi e che possono far male in qualsiasi momento”.

LA PORTA DEL NAPOLI. “Credo che sui difetti ti dico che non li ho visti in nessuno dei tre portieri. Meret è a mio avviso il miglior prospetto futuro per il nostro calcio. Lui è forte fisicamente e un senso della posizione. Bene anche gli altri due, compreso Ospina, anche se molti pensano che su Salah ha sbagliato. Il colombiano ha anticipato il movimento e l’egiziano lo ha battuto sotto le gambe, insomma è stato anche sfortunato nella circostanza”.

SCORIE INGLESI. “L’altra sera il Liverpool correva di più rispetto al Napoli. In partite come queste c’è bisogno del carattere, ovvero andare ad aggredire i calciatori avversari quando iniziava a impostare e poi sfruttare le ripartenze. Aggiungiamoci che è mancato un pizzico di fortuna, come nel caso di Milik, dove c’è stato il merito di Alisson nell’azione finale di gara”.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

E gisto

Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a CAGLIARI su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News